Archivi tag: John Dee

L’origine azteca dello specchio di ossidiana del “mago” John Dee

Annunci

John Dee è un personaggio che non può non far parte delle conoscenze di chi si occupa di magia, occultismo, alchimia e spiritismo. Consigliere personale della regina Elisabetta I, inizialmente si occupò di studi scientifici per poi dedicarsi a ben altro. Insieme a Edward Kelley mise a punto un alfabeto, detto Enochiano, che stando a quanto affermarono i due autori era quello su cui si basa la lingua degli angeli. Per scrivere tale alfabeto Dee ebbe un aiutino: uno specchio di ossidiana nera su cui recenti studi hanno rivelato qualche particolare inedito. Scopriamo quali.

La vita di John Dee

Fonte: www.smithsonianmag.com

Prima di parlare del suo specchio, che oggi puoi vedere esposto presso il British Museum di Londra insieme ad altri effetti personali di Dee, approfondiamo un po’ la figura di questo ambiguo ma importante personaggio. Per quel che riguarda la cultura anglosassone, Dee rappresenta infatti un nome di fondamentale importanza. John Dee nacque a Londra nel 1527. Da giovane viaggiò moltissimo in tutta Europa, e fu probabilmente nel suo peregrinare che acquistò o venne in possesso dello specchio di ossidiana. Conobbe Gerardo Mercatore e iniziò ad interessarsi anche di cartografia.

Poco alla volta, Dee iniziò anche ad occuparsi di occultismo, alchimia e numerologia. Ebbe per questo parecchi guai, specie per aver fatto l’oroscopo a Maria I d’Inghilterra e ad Elisabetta I. Fu infatti accusato di tradimento contro Maria e questo gli causò qualche anno di grandi difficoltà, nonostante le quali però riuscì a creare un’invidiabile biblioteca che divenne un punto di riferimento per tutti gli studiosi europei. Quando però Elisabetta I divenne regina, nel 1558, le sorti di Dee cambiarono radicalmente. Divenne infatti suo fidato consigliere, tanto che fu lui a decidere la data per l’incoronazione della sovrana.

Dee fu decisivo nel creare l’idea di Impero britannico, dando molti accorgimenti in materia di navigazione e rendendo l’Inghilterra quella potenza che conosciamo ancora oggi. Intanto si avvicinò all’ermetismo e alla Cabala, allontanandosi sempre più da presupposti scientifici e cominciando il suo lavoro sugli angeli. Fu allora che conobbe Kelley e viaggiò ancora fuori dai confini britannici. Con Kelley eseguiva sedute di spiritismo, e questo gli valse la nomea di mago oscuro e di negromante.

Quando la regina Elisabetta I morì, Dee restò solo e povero. Il successore di Elisabetta, Giacomo I, non gli garantì nessun appoggio visto che non vedeva di buon occhio gli interessi del vecchio studioso. Nel 1608 John Dee morì a Mortlake. La sua biblioteca era da tempo stata smembrata; nessuno sa che fine abbia fatto la sua lapide.

Il destino dello specchio nero di ossidiana

Fonte: www.britishmuseum.org

Nonostante non avesse avuto l’appoggio del nuovo sovrano, John Dee era ammiratissimo da molte persone e quasi tutti i suoi beni trovarono ben presto nuovi possessori. Rispetto allo specchio di ossidiana, che si dice Dee usasse per “parlare con gli angeli”, sappiamo che fu acquistato nel XVIII secolo dal noto scrittore Horace Walpole. Successivamente cambiò diverse mani, fino a diventare parte integrante delle collezioni del British Museum nel 1966, insieme ad altri oggetti di Dee. Nello specifico, presso il museo si trovano anche la custodia dello specchio, una sfera di cristallo, due sigilli di cera e uno d’oro.

Lo specchio di ossidiana era custodito in un fodero di legno rivestito in pelle, su cui Walpole vergò alcuni versi, tratti da un poema di Samuel Butler, in cui definisce lo specchio “devil’s looking glass”, lo “specchio che vede” del diavolo:

Kelly did all his feats upon
The Devil’s Looking Glass, a stone;
Where playing with him at Bo-peep,
He solv’d all problems ne’er so deep

In effetti, erano in molti a pensare che non fossero proprio “angeli” quelli con cui parlava Dee. Il metodo che usava per evocare gli spiriti è chiamato “scrying”, e consiste nel concentrarsi su una superficie riflettente. Prima si vedrà solo nebbia, poi appariranno immagini dal futuro, dal passato, o esseri spirituali di un altro mondo. Lo specchio usato da Dee misura 18,5 centimetri di diametro ed è spesso 13 millimetri; il suo peso è di 882 grammi. Nella parte superiore ha un foro, che probabilmente serviva per tenerlo in mano.

Non ci sono mai stati dubbi tra gli studiosi circa la provenienza di questo specchio, che non era stato creato da Dee ma proveniva da una tradizione ancora più antica: quella azteca. Gli Aztechi usavano gli specchi di ossidiana proprio come faceva Dee, per evocare spiriti dall’altro mondo. L’analisi condotta dai ricercatori dell’Università di Manchester ci ha permesso però di saperne anche qualcosa in più.

Tezcatlipoca

Fonte: www.thoughtco.com

L’ossidiana possiede una sua personale impronta che permette di capire da dove viene in base ai minerali in essa contenuti e al modo in cui sono disposti. Grazie ad un’analisi eseguita con uno scanner che adopera la fluorescenza a raggi X si è così individuata l’esatta regione del Messico in cui lo specchio fu realizzato. Viene da Pachuca, che si trova nella parte centrale del Messico. Con tutta probabilità il reperto faceva parte di quel nutrito quantitativo di oggetti che gli spagnoli riportarono in Europa dopo la sottomissione del popolo Azteco.

Gli Aztechi legavano l’uso degli specchi di ossidiana ai rituali legati ad una delle loro più potenti (e inquietanti) divinità: Tezcatlipoca. L’archeologo Stuart Campbell, dell’Università di Manchester, ha spiegato come gli Aztechi avessero raffigurato questi specchi nei loro codici ben prima dell’arrivo dei conquistadores, disegnandoli spesso addosso al dio, che ne aveva addirittura uno al posto del piede sinistro, mancante. Tezcatlipoca vuol dire “specchio che fuma”, proprio ad indicare la nebbia magica che permette di mettersi in contatto con gli spiriti dell’aldilà.

Si conferma dunque l’ipotesi che Dee usasse il manufatto per avere delle visioni e acquisire le sue conoscenze esoteriche, giacché questo era lo scopo originario della creazione dello specchio di ossidiana. Allo stesso tempo, però, si getta anche un’ombra oscura sugli studi “angelici” dell’alchimista. Tezcatlipoca era un dio sanguinario e violento, che si contrapponeva a Quetzalcoatl. A causa della lotta fra i due avrebbe avuto fine il “primo mondo”, quello dei giganti, secondo la mitologia Azteca.

Guardare attraverso lo specchio

Fonte: www.britishmuseum.org

La simbologia dello specchio di ossidiana è molto potente. Questo specchio riflette, ma è oscuro. Guardando in esso non si vede la propria immagine, ma si vedono simulacri di ciò che potrebbe essere o di ciò che è stato. Sembra curioso notare come i molti secoli e i moltissimi chilometri che separavano gli Aztechi da un mago e alchimista britannico siano stati annientati da un semplice manufatto, che ha conservato la sua finalità originale.

Lo specchio è visibile in mostra al British Museum, come abbiamo già detto. Potrebbe essere interessante provare a guardarci dentro: magari ha ancora qualcosa da rivelare, qualcosa che John Dee sapeva ma non ci ha tramandato. Purtroppo però abbiamo perduto la capacità di guardare attraverso lo specchio e siamo condannati a vivere solo in questo mondo. Ma dall’antichità ancora oggi riecheggia un insegnamento che ci invita a considerare anche ciò che è invisibile, o che può essere visto solo in uno specchio oscuro.

Fonti:

La lingua degli angeli: l’alfabeto Enochiano

Annunci

Sul pianeta Terra esistono numerosi linguaggi. Secondo la tradizione biblica gli Uomini persero la capacità di comunicare gli uni con gli altri a seguito dell’erezione della Torre di Babele. E prima? Esisteva davvero un’unica lingua per tutti? Forse sì, e non poteva trattarsi di altro che della lingua degli angeli, l’alfabeto Enochiano oggi usato da maghi e veggenti.

John Dee e Edward Kelley

Fonte: www.ancient-origins.net

La lingua degli angeli dovrebbe essere molto antica, eppure è tornata alla conoscenza umana solo in tempi relativamente recenti. Era il XVI secolo e presso l’opulenta corte della Regina Elisabetta I, in Inghilterra, viveva l’astronomo e astrologo John Dee. Questi era molto intimo della sovrana e poté godere della sua protezione. A lungo non si occupò di occulto e misticismo, fino a quando però non venne deluso dalle conoscenze scientifiche a cui aveva dedicato buona parte della sua vita.

Dee viene considerato uno dei più importanti esponenti del Rinascimento inglese, e influenzò in modo massiccio l’opera del Grande Bardo William Shakespaeare. Intorno al 1580 si allontanò dal razionalismo per iniziare ad indagare il mondo dello spiritismo e dell’occulto. Fu in questo periodo che strinse il sodalizio con Edward Kelley. Kelley era invece da sempre un occultista e alchimista. Diceva di aver trovato il modo di trasformare i metalli in oro e di essere in contatto con gli spiriti dell’al di là.

Dal momento in cui Dee e Kelley iniziarono a collaborare, portarono avanti molte ricerche e studi sul mondo magico ed esoterico. Si racconta che divennero grandi negromanti, in grado persino di far tornare in vita i morti. Ma, più di ogni altra cosa, Dee e Kelley sono noti ancora oggi per aver trascritto il linguaggio degli angeli.

Ad un certo punto, meditando e pregando, Dee riuscì a mettersi in contatto con le creature angeliche. Gli angeli sono spiriti puri, i primi ad essere stati generati da Dio molto prima degli uomini. Il loro linguaggio, secondo Dee, è lo stesso usato da Dio per la creazione. Ed è lo stesso usato da Adamo per nominare tutte le cose alla loro prima apparizione. Il linguaggio degli angeli fu definito da Dee e Kelley “Enochiano.

Il linguaggio degli angeli, o di Enoch

Fonte: lycansypeliculas.blogspot.com

Enoch è un patriarca biblico a cui viene attribuito un testo apocrifo, detto appunto “libro di Enoch”. Visse prima del Diluvio e prima di Noè; la Bibbia dice che non morì, ma fu condotto in cielo da Dio con il suo corpo mortale. Si tratta dunque di un personaggio di grande spessore, poiché onorato da un dono che ben pochi ricevettero (sempre stando alle fonti bibliche).

Dee e Kelley riuscirono a trascrivere l’alfabeto degli angeli grazie ad un sistema di divinazione noto in lingua anglosassone come scrying. In italiano è detto “cristalloscopia“. Consiste nell’usare una superficie riflettente e lucida (ad esempio una sfera di cristallo) con uno sfondo scuro. Il veggente è in grado di “leggere” all’interno della superficie lucida.

Usando uno specchio di ossidiana, Dee ebbe varie visione in cui le creature angeliche gli mostrarono i caratteri dell’alfabeto usato nella loro lingua. L’enochiano non è un semplice linguaggio, ma essendo la lingua primordiale è anche quella in grado di scatenare il potenziale magico nell’Uomo. Inoltre, permette di modellare e plasmare il futuro.

L’alfabeto degli angeli ha solo 21 lettere; la lingua si redige da destra verso sinistra. I caratteri sono del tutto alieni e diversi da qualunque altro linguaggio conosciuto. Quello che, attraverso le visioni di Dee, venne appreso da Kelley, fu trascritto in una serie di libri. Quello considerato più importante si chiama “Liber Loagaeth”, che vuol dire “Il Libro della Parola di Dio”.

Linguaggio antidiluviano o bufala

Fonte: Pinterest

Dee e Kelley riuscirono a tradurre il linguaggio degli angeli grazie al fatto che furono queste stesse creature a fornire loro la chiave di interpretazione. Pare che la traslitterazione uscisse dalle loro bocche sotto forma di cartigli scritti. Secondo alcuni studiosi moderni, potrebbe invece trattarsi di qualcosa di inventato di sana pianta dai due occultisti.

Se infatti l’alfabeto del linguaggio di Enoch è completamente inedito, grammatica e sintassi assomigliano invece molto a quelle della lingua inglese. Però è anche vero che ci sono termini storici (come ad esempio l’attribuzione a Zeus, in Grecia, dell’aggettivo “Dialis“, che non ha un senso specifico in greco antico) che trovano riscontro se tradotti dall’enochiano.

Qualcun altro parla di glossolaliache è quel fenomeno per cui, secondo i Vangeli, gli Apostoli di Cristo, ricevuto lo Spirito Santo, avevano il dono di parlare lingue che non conoscevano. Secondo lo stesso principio, le sibille greche erano in grado di interpretare le parole del dio da cui venivano possedute.

Quel che sappiamo è che il linguaggio degli angeli è tutt’altro che semplice. Agli stessi Dee e Kelly venne riferito sotto forma di complicate tabelle enigmistiche numerate da decifrare. oggi è la base di uno strumento di divinazione noto come “scacchi enochiani”. Per usarlo servono approfondite conoscenze di Tarocchi, Cabala, Alchimia, Geomanzia e Astrologia.

Prima che l’Uomo popolasse la Terra

Fonte: www.kaskus.co.id/

La lingua di Enoch fu in seguito usata da occultisti, come Aleister Crowley, e satanisti, come Anton LaVey, per dare vita ai loro rituali magici. Ancora oggi resta uno strumento di divinazione molto potente, ma anche assai astruso da padroneggiare. Ciò che gli angeli dissero a Dee era che il loro alfabeto era la chiave di accesso per la magia.

Quella magia avrebbe dato poteri sovrumani all’Uomo, cambiato l’assetto politico dell’Europa e spalancato la porta dell’Apocalisse. D’altro canto, il linguaggio di Enoch altro non è se non una chiave di lettura dell’Oltre Mondo, una Porta che consente l’accesso a conoscenze che un tempo erano dell’Uomo e che nel corso dei secoli e dei millenni sono andate dimenticate.

Spesso sottovalutiamo l’importanza del linguaggio che parliamo. Esso influenza anche il nostro modo di pensare, e plasma il reale, in una certa misura. Molto di più è in grado di fare questo un linguaggio magico, quello che Dio usò per creare. E la magia, da sempre, è Volontà di Creazione attraverso il Gesto e la Parola.

Ancora più interessante, il linguaggio di Enoch, se le parole di Dee venissero confermate, è il linguaggio parlato prima del Diluvio. Di conseguenza, è il linguaggio di Atlantide, del continente che fu prima che tutto il resto fosse. Un’ultima curiosità. Nel film “The Stargate” di Roland Emmerich del 1994 le lettere incise sul portale che permette di viaggiare tra i mondi sono quelle dell’alfabeto enochiano. Che servano proprio a questo: ad aprire un passaggio tra diverse realtà?

Per scoprirlo servono disciplina, studio e fede. Tre qualità che andrebbero recuperate, insieme al linguaggio segreto degli angeli.