Ogham per il Nuovo Anno

I Celti suddividevano il tempo molto diversamente da quanto facciamo noi. Non abbiamo nessuna certezza in proposito, ma una delle ipotesi più accreditate è la divisione fatta da Robert Graves, che prevede tredici mesi lunari, ognuno dei quali corrisponde ad un Ogham diverso. In base a tale suddivisione c’è un giorno che resta “fuori” rispetto al nostro calendario, in quanto i mesi lunari sono di 28 giorni. Si tratta del 23 Dicembre, che corrisponde all’Abete Rosso.

Dal giorno seguente, il 24 Dicembre, ha inizio un nuovo ciclo che comincia con l’albero della resilienza, la Betulla. Per ciò, anche se non è corretto dire che questo periodo dell’anno corrisponda al “Capodanno” celtico, certo è che al Solstizio d’Inverno qualcosa “riparte”, la vita ha un nuovo inizio. Per questo saggia Sibilla vuole inaugurare il nuovo ciclo con una speciale lettura degli Ogham che può accompagnarti da qui fino alla fine del calendario celtico, il prossimo 22 Dicembre 2020.

Trova il tuo segno e scopri cosa dice per te l’antica saggezza dei Druidi attraverso gli Ogham. La lettura per il nuovo anno non prevede l’estrazione di tre Ogham, come di consueto, ma di un solo Ogham che darà qualche indicazione sul modo in cui si evolverà il tuo percorso nel futuro.

Betulla (24 Dicembre – 20 Gennaio)

Ogham Edera
Edera

L’Ogham che caratterizzerà i prossimi 13 mesi lunari per la Betulla è l’Edera, una pianta dai molteplici risvolti per i Druidi. L’Edera era espressione del principio femminile e la sua foglia pentalobata era considerata espressione della Dea. Per questo, la pianta dell’Edera, i cui frutti venivano usati per realizzare una bevanda inebriante, era promessa di resurrezione e rinascita, con il suo andamento spiraliforme. Il fatto che sia l’Edera a caratterizzare il tuo percorso futuro vuol dire dunque che attraverserai il percorso della consapevolezza che ci fa rinascere a noi stessi, che acquisirai un nuovo sguardo sul mondo e su te stesso rinascendo a nuova vita, indossando una nuova pelle.

Sorbo (21 Gennaio – 17 Febbraio)

Ogham Nocciolo
Nocciolo

L’Ogham estratto per il Sorbo è il Nocciolo, una pianta che si pensa fosse una di quelle dominanti nel periodo glaciale. Il suo frutto, la nocciola, nella mitologia celtica ha un significato molto profondo. Chi mangiava la nocciola acquisiva la conoscenza dell’Altromondo, ovvero una capacità di percezione straordinaria che andava ben oltre il visibile. Il Nocciolo si lega all’elemento acqua, allo scorrere della vita che attraverso l’uso dei cinque sensi porta ad un grado superiore di consapevolezza. Ecco allora che nel tuo futuro c’è una crescita interiore che ti porterà a considerare aspetti della vita che finora ti erano rimasti celati, o che non avevi considerato.

Frassino (18 Febbraio – 17 Marzo)

Erica Ogham
Erica

Per il Frassino il nuovo ciclo comincia all’insegna dell’Erica, Ogham che corrisponde ad una piccola pianta della brughiera caratterizzata da splendidi fiori. L’Erica è il simbolo della dolcezza, in quanto spesso il suo polline viene usato dalle api per fare il miele. Su letti di erica si faceva riposare chi era apatico, senza voglia di andare avanti. Ecco allora che presto ritroverai il tuo vigore, l’energia che credevi perduta. Nel nuovo anno ci saranno tanto amore, tanta passione che circonderanno la tua vita, e la tua volontà sarà più salda al fine di raggiungere i tuoi desideri, quelli maggiormente bramati dal tuo cuore.

Ontano (18 Marzo – 14 Aprile)

Ogham Quercia
Quercia

Duir, o Dair. questo è il nome celtico della Quercia, il cui Ogham caratterizza il futuro dell’Ontano. La Quercia è un albero che da sempre è stato apprezzato per la sua robustezza, ma per i Druidi aveva anche un altro valore aggiunto. Duir vuol dire anche “porta”: essa dunque sta a simboleggiare un passaggio, il momento in cui da dentro si guarda fuori, verso un nuovo orizzonte che si spalanca davanti ai tuoi piedi. Ci sarà un grande cambiamento nella tua vita, che però non è stravolgimento ma evoluzione naturale di ciò che sei. Il frutto della Quercia, la ghianda, ti assicura protezione contro i mali improvvisi.

Cosa ne pensi?