Eclissi di Luna del 21 gennaio 2019: ecco perché non te la devi perdere

Ogni fenomeno celeste come l’eclissi di luna, che gli astronomi osservano quasi con un briciolo di noia per il suo ciclico ripetersi, suscita invece stupore e commozione in noi comuni mortali. Sarà perché per una volta possiamo avere contezza del fatto che il nostro pianete si trova inserito in un sistema cosmico di perfezione invidiabile, dove gli incontri e gli intrecci, come nella nostra vita umana, possono avere effetti sorprendenti.

Nella notte tra domenica 20 gennaio e lunedì 21 gennaio 2019 in Italia avremo di nuovo il modo di assistere ad un’eclissi totale di Luna. ecco perché, anche se il fenomeno è meno raro dell’eclissi di Sole, non te lo devi assolutamente perdere.

La Superluna di Gennaio

eclissi di luna
Fonte: wccftech.com

L’eclissi di Luna dello scorso luglio 2018 ha avuto carattere di eccezionalità per via della sua durata. Infatti si è protratta per quasi due ore, tanto da guadagnarsi il titolo di eclissi più lunga del secolo. Quella che ci aspettiamo nella mattinata di lunedì 21 gennaio invece durerà “solo” poco più di un’ora, nella fase di oscuramento totale, ma avrà a sua volta una peculiarità.

In questo momento dell’anno la Luna si trova nel punto più vicino alla Terra che la sua orbita ellittica descrive. Questo significa che apparirà circa il 14% più grande di quanto non sia sembrata a luglio. Secondo una comune definizione, coniata da un astrologo nel 1979, questo fenomeno è definito della “superluna“. Non ditelo però agli astronomi, che non amano molto questo termine!

In qualunque parte della penisola tu viva avrai l’opportunità di osservare il fenomeno che è detto anche della “Luna rossa“. Non devi infatti pensare che la luna, semplicemente, sparisca. Quando l’ombra della terra la copre completamente, per via del fatto che il nostro Pianeta si è interposto tra Sole e Luna, essa assume un colorito rosso-brunastro per via della rifrazione della luce del Sole nell’atmosfera terrestre.

Quando vedere la Superluna di gennaio

eclissi di luna
Fonte: www.crosswalk.com

L’eclissi avrà inizio a partire dalle ore 3:36 del mattino di lunedì, quando piano piano il nostro satellite comincerà ad essere “inghiottito” dal cono di ombra della Terra. Il momento in cui però avrà inizio la copertura totalesarà intorno alle ore 5:41, con il picco del fenomeno fino alle 6:43. L’eclissi poi si protrarrà, con il progressivo ricomparire della Luna, fino ad oltre le ore 8:00.

Si capisce come la fase finale del fenomeno non sarà più osservabile, poiché il chiarore del giorno mano a mano renderà meno visibile la Luna. Ma la parte iniziale invece, con il favore del buio completo del firmamento invernale, potrebbe offrire uno spettacolo per cui varrà la pena di alzarsi un po’ prima del solito. Naturalmente le condizioni migliori per osservare l’eclissi sono in un luogo con poca illuminazione artificiale.

In tutto questo c’è da sperare che condizioni meteorologiche si mantengano buone in modo tale che il cielo sia sgombro da nuvole. Infatti, per osservare di nuovo un’eclissi simile dal nostro Paese dovremmo poi aspettare ben dieci anni, fino al 31 dicembre del 2028. Insomma, è decisamente il caso di fare una levataccia… o magari di tirare tardi la domenica sera!

Perché la luna si eclissa

eclissi di luna
Fonte: news.nationalgeographic.com

Il motivo astronomico per cui la luna piena diventa rossa, scomparendo dal cielo notturno, è che in certe condizioni Sole, Terra e Luna si allineano. A seconda delle rispettive posizioni, si può verificare un’eclissi di Sole o di Luna. Ovvero, la Luna potrebbe oscurare il Sole, oppure la Terra può proiettare la sua ombra sulla Luna.

Le spiegazioni che sono state date nell’antichità di questo fenomeno chiamano invece sempre in causa divinità arrabbiate che avvisano l’umanità di una qualche sciagura imminente. A volte la colpa è di qualche fattucchiera, che con un rituale magico cancella la luminosità lunare dal cielo.

Per l’Astrologia, l’eclissi di Luna è un momento importante per il rinnovamento interiore. Secondo alcuni commentatori, l’eclissi della Luna simboleggia il momento in cui possiamo abbracciare il nostro “io oscuro”, quella parte di noi che teniamo celata per paura, o per vergogna.

Nel momento in cui ciò che è celato viene scoperto, possiamo ritrovare la nostra interezza, buttare via la zavorra, e ripartire con uno spirito diverso. Dunque questa fase lunare è l’occasione per fronteggiare i mostri che maggiormente ci spaventano e cacciarli via una volta per tutte.

La Luna del Lupo

eclissi di luna
Fonte: www.today.com

Per i Nativi Americani la luna piena di Gennaio era nota come “Wolf Moon”, ovvero la Luna del Lupo. Il motivo si comprende con facilità: in questo periodo dell’anno i lupi ululavano affamati nelle foreste, e nei villaggi li si poteva udire molto chiaramente. L’eclissi di Luna invece per loro non aveva significato negativo.

Infatti alcune tribù erano convinte che la Luna diventasse rossa perché rimasta ferita dopo un combattimento con il Sole. Allora le donne intonava canti di guarigione per permetterle di ristabilirsi al più presto. In Africa invece ci sono popolazioni convinte che quando la Luna si fa rossa, tutti i conflitti umani si debbano fermare, per dar modo alla Luna e al Sole di ragionare e di smettere di combattersi a loro volta tra di loro.

Per altri ancora, l’eclissi è la mano cosmica dell’Universo che scende a darci una carezza, e non solo. Viene anche ad indicarci il posto dove dobbiamo stare, quello che è stato destinato proprio a noi. Non ci credi? Resta a guardare, lunedì mattina. Non ti costa nulla, e di certo ti regalerà uno spettacolo unico per gli occhi e per la tua nascosta (ma non sparita) anima di bambino).

Cosa ne pensi?