Le Profezie della Strega: Madre Shipton

Quando si parla di “sessismo” e discriminazione tra uomini e donne, non si può non parlare delle streghe. Una strega è per antonomasia cattiva, uno stregone è un uomo saggio. Le profezie di Nostradamus sono note in tutto il mondo; chi conosce invece quelle di Madre Shipton?

Una donna Brutta, ma Buona

Madre Shipton

Statua dedicata a Madre Shipton, Fonte: hiveminer.com

Madre Shipton è passata alla storia come LA strega per antonomasia, per via del suo aspetto repellente che, secondo la descrizione, la fa assomigliare tanto alla Strega Cattiva di Biancaneve (o, per noi italiani, alla Befana). Naso adunco, gambe storte e gobba, una bellezza non doveva essere di certo.



Ciononostante trovò marito, che a quanto pare la corteggiò a lungo per vincerne le resistenze. Dunque aveva un suo certo fascino: quel che è certo è che aveva dei poteri che la fanno definire anche “sibilla“. Madre Shipton conosceva la natura, le erbe del bosco e i loro poteri medicamentosi. Era in grado di far accadere cose solo con la forza della sua mente. Soprattutto, prevedeva il futuro.

Nacque in una grotta, che continuò ad essere il fulcro del suo potere. Nella grotta si trova un pozzo molto particolare, che può pietrificare ogni oggetto che venga messo al suo interno (lo chiamano Petrifying Well). Qualcuno dice possa pietrificare anche le persone. Pensi che mi stia inventando tutto? Eppure Madre Shipton è davvero esistita, le sue profezie sono scritte e le puoi leggere in molti libri. Anche il pozzo pietrificante esiste davvero, e lo puoi visitare.

Ursula Sonthell

Petrifying Well Madre Shipton

Oggetto pietrificati dalla Petrifying Well, fonte: www.amusingplanet.com/

Il vero nome di Madre Shipton era Ursula Sonthell; Shipton era il cognome di suo marito da cui non ebbe figli. Il titolo “madre” dunque deve essere un segno di rispetto e stima da parte di chi l’ha conosciuta. Nacque nel 1488 e morì nel 1561 nello Yorkshire, in Inghilterra. Più precisamente, fu partorita nella grotta non distante dalla cittadina di Knaresborough. Sua madre era minorenne, era rimasta incinta e doveva stare lontana dalla gente.

Fin  da subito sulla piccola cominciarono a circolare varie voci, tanto che si disse che suo padre era il Demonio. Il suo aspetto non contribuì a farla benvolere. Fu data in adozione e proseguì la sua esistenza aiutando tanta gente grazie alla sua saggezza, alla sua conoscenza del mondo naturale, e ai suoi poteri. Le persone forse alla fine la rispettavano, ma di certo non l’hanno mai amata.



Circa un centinaio di anni dopo la sua morte, nel 1641, venne pubblicato un libro dal titolo  “The Prophesies of Mother Shipton”. Lo scrittore aveva raccolto le memorie di chi l’aveva conosciuta e aveva trascritto le parole da lei dette. In seguito si scoprì che in molti casi Madre Shipton aveva previsto cose realmente accadute. Sono tre gli episodi più eclatanti di cui parlò, e che sarebbero accaduti solo dopo la sua morte: il Grande Incendio di Londra del 1666; la sconfitta dell’Invincibile Armata spagnola nel 1588, e la creazione di “carrozze che camminano senza cavalli“. Aveva previsto l’invenzione delle automobili.

Le profezie di Madre Shipton

Madre Shipton Profezie

Fonte: Pinterest

Curiosamente la donna riuscì a indovinare altre cose che sarebbero successe molto dopo la sua morte. Ad esempio, sapeva che un giorno le donne avrebbero conquistato la parità con l’uomo, avrebbero indossato pantaloni e cavalcato su destrieri di bronzo. Sapeva che i destrieri meccanici avrebbero causato incidenti e dolore, e che i matrimoni e le nascite sarebbero diminuite. Alla fine, anche Madre Shipton, come Nostradamus, vide la fine di tutte le cose.

Le profezie di Madre Shipton sono scritte in versi e rime e raccontano la fine del mondo con modalità prettamente bibliche. Si parla di vulcani che eruttano, terremoti, delle acque dell’Oceano che si alzano a ricoprire le terre emerse. La “coda di un drago” sarà il segno dell’inizio della fine, che però non sarà una vera fine.

La profezia terribile di Madre Shipton si chiude con la luce della Speranza. Alcuni sopravviveranno, e avranno imparato dai loro errori. Anzi, verrà qualcuno, il “serpente d’argento”, che insegnerà all’uomo a vivere, e donerà ai bambini la “seconda vista”. Avrà inizio una nuova Età dell’Oro.

Madre Shipton prevede anche lo scetticismo della gente, e allora chiude con questi due versi

These things have come to me
This prophecy will come to be.

Ovvero: come queste visioni sono giunte a me, così questa profezia si avvererà.

La Veggenza diventa Mito

Madre Shipton Caverna

Fonte: www.dayoutwiththekids.co.uk

Cerca pure altre notizie su Madre Shipton: leggerai che forse non è mai esistita, che il libro delle sue profezie è stato manomesso nell’Ottocento. Scoprirai che la grotta in cui è nata è diventata una località turistica, dove la gente va a portare i suoi oggetti per vederli tramutati in pietra dalle magiche virtù delle acqua. Leggerai anche che quelle acque non sono affatto “magiche”, ma che c’è una spiegazione scientifica per la pietrificazione degli oggetti.



Alla fine così scrollerai le spalle davanti alle profezie di questa donna, pensando che era brutta e forse voleva solo fare uno scherzo di cattivo gusto per vendicarsi di chi la prendeva in giro. Però nelle sue parole c’è una saggezza profonda che ha poco a che vedere con l’Apocalisse: ha a che vedere con la naturale conseguenza che hanno le nostre azioni.

Madre Shipton era una sibilla e amava la natura; con un dono speciale era in grado di vedere un po’ oltre il suo tempo e aveva già capito che la tecnologia sarebbe cresciuta in modo vertiginoso. Aveva visto però anche il rovescio della medaglia, uomini sempre meno uomini e sempre più travolti da una crescita insostenibile.

Cos’è la “coda di drago” di cui parla? Forse questo mostro è solo un simbolo, il simbolo di noi stessi che finiremo per distruggere ciò che abbiamo creato, come un drago sputa fuoco dalle sue fauci portando devastazione. Madre Shipton scrive

And when the dragon’s tail is gone,
Man forgets, and smiles, and carries on
To apply himself – too late, too late

E quando la coda del drago se ne sarà andata
l’Uomo dimentica, e sorride, e continua
a darsi da fare – troppo tardi, troppo tardi

Troppo Tardi, Troppo Tardi

Non so a te, ma a me di tutta la profezia quel che fa venire di più i brividi è quel “troppo tardi“. Come a dire che la “fine del mondo” non è inevitabile: dipende da noi. Ma non c’è tempo da perdere. Come impedirla? Forse tornando ad ascoltare le parole delle sagge streghe, che conoscevano l’Uomo e la Natura, ovvero, tutto ciò che conta davvero conoscere.

Cosa ne pensi?