Ragni su Marte: le mille sorprese del Pianeta Rosso

Di tutti i pianeti del Sistema Solare, di certo quello che in qualche modo ha sempre animato di più le nostre fantasie e i nostri sogni infantili è Marte. Il Pianeta Rosso si è guadagnato questo nomignolo per via della sua colorazione. Appare infatti un po’ aranciato, anche osservato ad occhio nudo, per via dell’ossido di ferro presente in maniera abbondante sulla sua crosta. Ma non è questo il motivo per cui è tanto “famoso”.

Life on Mars

ragni_Marte_NASA

Marte è tanto diverso dalla Terra, ma pure gli somiglia molto: il suo giorno dura poco più delle nostre 24 ore, ed è il quarto pianeta del Sistema Solare dopo Mercurio, Venere e la Terra. Assieme a Venere è il pianeta più vicino a noi, quello che da più tempo osserviamo. Marte ci affascina per l’ipotesi che vi possa essere vita su di esso.

Per gli scienziati la vita è dimostrata dalla presenza di acqua: per gli scrittori e i cineasti essa è vita aliena. L’extraterrestre per eccellenza viene da Marte: tant’è che per noi il termine “marziani” è diventato praticamente il sinonimo di creature non terrestri.



C’è chi ci spera, c’è chi lo teme: ci saranno altre forme di vita nell’Universo? Uno dei più grandi enigmi che assilla l’Umanità sembrava aver trovato risposta positiva da una fonte autorevolissima, la NASA, che non più tardi di un paio di sere fa ha pubblicato sul suo blog una foto choc. Nell’immagine si vedono ragni giganti calpestare il suolo marziano!

Niente paura, non erano ragni: nel testo che accompagna la foto si spiega che le macchie che si vedono, e che dall’alto sembrano degli aracnidi con lunghe zampe, non sono altro che zone di terreno riscaldate dal diossido di carbonio sottostante. Insomma, ancora nessuna prova di vita aliena… per ora.

Marte in Astrologia

Marte_Astrologia

Marte ha un ruolo importante anche nell’Astrologia: ha domicilio diurno in Ariete e notturno in Scorpione; la sua influenza conferisce caratteristiche peculiari in chi la subisce. Marte è il pianeta della forza fisica e anche della forza sessuale; può portare la persona che nasce sotto il suo influsso ad essere risoluta, aggressiva, a volte anche violenta. Le caratteristiche che dona sono l’audacia, la possanza, la volontà di azione e conquista. Si tratta di un pianeta di segno maschile non certo adatto ai timidoni.

Le caratteristiche che vengono attribuite all’influenza di Marte si legano a quelle tipiche del dio che dà il suo nome al pianeta: Marte, l’equivalente romano del greco Ares, era la divinità della guerra, tant’è che veniva sempre rappresentato con l’elmo in testa e lo scudo al braccio.

Marte viene annoverato, insieme a Saturno, tra i Pianeti “malefici” perché freddi e inospitali. Ciò non vuol dire che i segni che ne subiscono l’influenza siano contrassegnati solo da aspetti negativi: al contrario, Marte conferisce combattività anche per difendere le proprie idee o per sostenere una causa, quindi non è solo simbolo di una bellicosità fine a se stessa.



Il volto su Marte

Volto_su_Marte

C’è un’ultima curiosità da rammentare sul Pianeta Marte, ed è il Volto che in molti affermano di aver scorto sulla sua superficie. Gli scienziati dicono che si tratta di un altopiano collocato più o meno all’altezza dell’equatore marziano. Fotografato dalle sonde ad una certa ora, con una certa angolazione della luce, sembra proprio una faccia umana, vista dall’alto.

Ennesimo caso di pareidolia, dicono i più, proprio come per il bacio nella Luna. Altri invece affermano che si tratta di un monumento lasciato da una civiltà aliena chissà quanto tempo fa. Chi ha ragione e chi torto? Ancora una volta, lascio a te la risposta. Decidi se vuoi stare dalla parte di chi guarda solo con gli occhi o dalla parte di chi lascia aperte le Porte della Percezione credendo nel fatto che la realtà è fatta da molti diversi livelli di lettura.

Però la sera, quando vedrai brillare Marte sull’orizzonte, immagina un volto simile al tuo che ti osserva e sorride, da tanto lontano, ma meno di quanto credi. In cuor tuo, ne sono certa, ti sentirai confortato e un po’ meno solo.

Commenti chiusi