Saturno, i suoi Anelli e la Possibilità della Vita

Saturno è il sesto pianeta del nostro Sistema Solare; è il più grande, subito dopo Giove, e dista dal Sole circa un miliardo di chilometri. Era conosciuto fin dell’antichità perché può essere osservato nel cielo notturno anche ad occhio nudo. Solo quando vennero inventati degli strumenti di osservazione più sofisticati e potenti si scoprì la principale peculiarità di questo pianeta. Saturno è infatti circondato da anelli fatti di particelle ghiacciate, e da numerose lune.

A Saturno è stato dato un nome molto evocativo, quello di una divinità romana che era legata all’agricoltura e al lavoro dei campi, e che a sua volta deve la sua identità al dio greco Crono. In questi giorni si parla moltissimo di una delle sue lune, Encelado. La sonda Cassini, che a lungo ha esplorato il cosmo vicino al pianeta, ha infatti riportato dei dati che dimostrano come potrebbe esserci la possibilità della vita su Encelado.



Si tratta di combinazioni biologiche individuate nei curiosi “sbuffi” di materia ghiacciata che fuoriescono dal Polo Sud di Encelado, noti come “Tiger Stripes“. Gli esperti hanno analizzato tali molecole concludendo che esse, combinate ad altri fattori, ottemperano ai requisiti necessari per lo sviluppo della vita. Tali condizioni, per quel che ne sappiamo ad oggi, esistono solo sul Pianeta Terra.

Saturno in Astrologia

Saturno pianeta Anelli

Prima della scoperta di Urano e Plutone Saturno era considerato il confine del Sistema Solare, per questo in Astrologia viene associato alle caratteristiche della perseveranza, della capacità di oltrepassare i propri limiti. Saturno è anche il pianeta dell’introversione e della malinconia. In passato chi aveva un carattere “saturnino” era considerato un tipo schivo e ombroso.

In Astrologia Saturno ha il Domicilio in Capricorno e in queste sere si sta facendo ammirare in tutto il suo splendore nel cielo notturno, poichè è in opposizione al Sole che lo investe con i suoi raggi luminosi. Anche stanotte, se vuoi, potrai osservarlo lassù, vicino alla Luna. Se puoi usare un telescopio, ne vedrai anche i singolari anelli.



Se appartieni al segno del Capricorno, Saturno è il tuo pianeta e ti dona una profonda capacità di introspezione. Puoi essere in grado di vedere più lontano di quanto non facciano gli altri, ma questo è un dono che va accettato, compreso ed esercitato. Limitarsi alle apparenze è così facile, molto più complesso è cercare di arrivare al cuore della verità.

Se stanotte vorrai alzare gli occhi al cielo di certo potrai ancora osservare Saturno. Mentre ti perdi nello spettacolo ineffabile del cosmo prova ad ascoltare le voci che da quel cosmo giungono fino a noi, anche se non credi che ci sia vita oltre il nostro Pianeta. Sono le voci di chi fu, di chi è, di chi sarà; le singole voci che insieme raccontano la grande Storia di cui facciamo parte.

Non devi spaventarti quando osservi il cielo stellato, né devi sentirti piccolo. In realtà osservando l’Immenso non puoi far altro che capire che tu sei parte di quell’Immenso, e che quindi non puoi rivestire solo il ruolo del mero osservatore. Devi agire, e farlo sempre in armonia con il moto incessante dei pianeti, degli astri, delle lune che, come vedi, sono molto di più che pezzi di roccia vaganti nel buio.

Commenti chiusi